TheMonkeyJournal

Hamburger vegetali: l’alternativa ecologica alla carne.

Hamburger vegetali: l’alternativa ecologica alla carne.

Che ci crediate o meno la produzione di carne è responsabile del 15% delle emissioni globali di gas serra. Gli allevamenti di bestiame producono emissioni in ogni punto della catena di produzione, a partire dai pascoli in cui vengono allevati gli animali che sono sempre più spesso sottratti ad aree boschive.
In secondo luogo la digestione degli animali allevati (specialmente le vacche) emette grandi quantità di metano.
Il cibo impiegato per dare da mangiare agli animali viene coltivato dove prima vivevano foreste (l’80% della foresta amazzonica disboscata viene impiegata per produrre soia da dare alle mucche).
Infine la lavorazione e la distribuzione del prodotto finito è responsabile di grandi quantità di CO2 emesse, soprattutto quando la carne viene importata da zone distanti del mondo.

Insomma possiamo constatare come mangiare così tanta carne sia diventato insostenibile per il nostro pianeta. Le risorse presenti sull’Astronave Terra sono limitate, e noi le stiamo prosciugando per saziare l’ingordigia dei paesi più benestanti. È infatti l’abuso di questo alimento ad essere il vero problema, ed è causato dalle abitudini insostenibili di paesi come gli USA e i membri dell’EU, che sono i maggiori consumatori di carne nel mondo.
Diminuire il consumo di carne non sarà facile, soprattutto perché la tradizione culinaria occidentale ne ha da sempre fatto largo impiego. Pensiamo alla barbeque della domenica o della festività di turno. Questo è però uno sforzo che siamo chiamati a fare per salvaguardare il pianeta che ci ospita.

Per fortuna ci vengono incontro alcune aziende che propongono un’alternativa alla carne prodotta convenzionalmente, valida sia in termini di gusto che di nutrienti.
Da qualche anno infatti, in molti si sono cimentati nella creazione di un prodotto in tutto e per tutto simile alla carne di origine animale.
Sono essenzialmente due i metodi con cui si sta provando a compiere l’impresa: la Carne vegetale o la carne sintetica coltivata in vitro.

Carne vegetale: Beyond meat e Impossible foods,

La filosofia della carne vegetale prevede che la materia prima che andrà a costituire il prodotto finito provenga esclusivamente da fonti vegetali.
Pioniere in questo settore sono le aziende “Impossible foods” e “Beyond meat”, entrambe statunitensi, le quali propongono al consumatore prodotti come hamburger e salsicce vegetali che hanno il sapore, o quasi, dei loro alter ego inquinanti (carne animale).

Gli scienziati, chef e agronomi che hanno lavorato allo sviluppo della carne vegetale, hanno dovuto affrontare non poche sfide. Prime fra tutte il gusto, ma anche i valori nutrizionali dovevano rispecchiare quelli della carne, se non essere addirittura migliori.

Le proteine

Sono fornite da soia e patate o altri vegetali ricchi di proteine come i legumi. Le componenti proteiche costituiscono il 20% del prodotto finito (più o meno come un normale hamburger).

I grassi

Componente fondamentale per conferire alla carne la consistenza di quella animale, sono ricavati da olio di cocco e di girasole e costituiscono il 12% del prodotto.

I leganti

Impiegati sono la metilcellulosa (un additivo alimentare che agisce da addensante, viene impiegato nella produzione di gelato, marmellate e alcune salse) e l’amido che tutti i giorni mangiamo all’interno della comune pasta o nelle patate.

L’eme: la molecola che da’ il sapore all'hamburger vegetale

Arriviamo alla parte più interessante ovvero qual è il segreto per rendere la carne vegetale effettivamente simile alla “vera” carne: l’eme.

L’eme è una semplice molecola presente all’interno del sangue e ha la funzione di legarsi con l’ossigeno.

I ricercatori hanno scoperto che è proprio questa molecola a dare quel tipico sapore ferroso alla carne.
L’eme infatti è contenuta nell’emoglobina del sangue ed è composta da un atomo di ferro (oltre che da carbonio, azoto, ossigeno e idrogeno), il quale si lega all’ossigeno per trasportarlo alle cellule del corpo.
L’eme è contenuta sia nelle specie animali, dove la concentrazione è maggiore, sia in alcune specie vegetali come la soia.
Questa molecola viene estratta dalle piante di soia, dopodiché viene fatta proliferare all’interno di cisterne contenenti lievito geneticamente modificato.

I valori nutrizionali dell'hamburger vegetale. È un alimento adatto alla linea?

I valori riportati sono ricavati direttamente dal sito di Impossible Foods. I dati sono dunque indicativi solamente di quella marca di carne vegetale, nonostante le altre si avvicinano molto.
I valori sono riferiti a 113g totali (1 hamburger di Impossible Foods). Per l’hamburger di carne sono state fatte equivalenze per avere lo stesso riferimento sui 113g.

Hamburger vegetale

  • GRASSI TOTALI     14g,   12%
  • DI CUI SATURI         8g,     7%
  • PROTEINE              19g,   18% 
  • CARBOIDRATI          9g,     8%
  • COLESTEROLO       0mg,   0%

Hamburger di manzo

  • GRASSI TOTALI     16g,   15%
  • DI CUI SATURI         7g,     6%
  • PROTEINE              20g,   18% 
  • CARBOIDRATI          0g,     0%
  • COLESTEROLO      76mg,   0,68%

I prezzi dell’hamburger vegetale si aggirano intorno ai 13 euro al Kg, solo qualche euro in più di quelli animali.

Impatto ambientale

  • utilizza il 96% in meno di terra.

  • genera l’89% in meno dei gas serra.

  • utilizza l’87% in meno di acqua.

Dilemma etico

Scegliere di consumare carne vegetale invece che animale è un atto di amore e rispetto nei confronti degli animali e dell’ambiente. Chi si considera ambientalista e sostiene di tenere al nostro pianeta non può rimanere indifferente proprio ora che la scienza ci offre delle alternative. Gli allevamenti spesso non garantiscono condizioni di vita dignitose all’animale, anzi. Quante volte abbiamo sentito e visto atrocità commesse nei confronti di vacche, maiali e polli stipati in allevamenti intensivi immersi nelle loro feci e imbottiti di antibiotici. Oltre che essere abominevole trattare in questa maniera altri esseri viventi, la loro carne sarà tutt’altro che sana e nutriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *